SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A €69
Assistenza Whatsapp +39 340 592 8835
media
Prevenire per mantenersi in salute
21 04 2022

Si celebra il 22 aprile la Giornata nazionale della salute della donna. L’iniziativa, promossa dal 2016 dal ministero della Salute mira a richiamare l'attenzione di operatori sanitari e cittadini sull’importanza di un'adeguata tutela della salute della donna, in termini di prevenzione e di accesso alle cure sul territorio.

Secondo i dati diffusi dall’Associazione Italiana dei Registri Tumori, il tumore più frequente nella donna è quello della mammella e rappresenta il 30% di tutte le neoplasie, seguito da quello del colon-retto (12%), polmone (12%), tiroide (5%) e collo dell’utero (5%). Quasi il 40% di questi tumori può essere intercettato precocemente con esami di controllo.

L’importanza della prevenzione

La strategia più efficace contro molte patologie è la prevenzione, è un impegno da assumere verso sé stesse e comprende la programmazione di visite mediche, esami clinici, vaccini, screening tumorali, oltre ad uno stile di vita sano, un’adeguata alimentazione e attività fisica. Il Servizio sanitario nazionale effettua 3 programmi di screening per la prevenzione dei tumori di cui due tipicamente femminili, seno e collo dell'utero, il terzo è il colon-retto.

Il Ministero della Salute ha istituito un portale dedicato alla salute delle donne, in cui fornisce anche un calendario della prevenzione, con gli esami a cui sottoporsi a ogni etа. Già a partire dai 20 anni è consigliabile eseguire l’autopalpazione del seno ogni mese, una settimana dopo la fine del ciclo. L'autopalpazione è un esame che ogni donna può effettuare comodamente a casa propria: permette di cogliere precocemente cambiamenti nelle mammelle. L'esame si svolge in due fasi: l'osservazione permette di individuare mutazioni nella forma del seno o del capezzolo, la palpazione può far scoprire la presenza di piccoli noduli che prima non c’erano.

Con l’aumento dell’età, soprattutto intorno ai 40-50 anni, è consigliabile sottoporsi a ecografia mammaria e mammografia con cadenza ogni 1-2 anni, soprattutto in presenza di familiarità per tumore al seno. La mammografia consente di identificare precocemente i tumori del seno, in quanto è in grado di individuare i noduli, anche di piccole dimensioni, non ancora percepibili al tatto.

Per prevenire il cancro al collo dell’utero è raccomandata la vaccinazione HPV (contro il Papillomavirus) prima dell’inizio dell’attività sessuale. Dai 20 ai 30 è poi necessario sottoporsi ogni 3 anni all’esame del Pap-Test e tra i 30 e i 64 anni anche al Hpv-Dna Test ogni 5 anni. Ed ancora, ecografia pelvica o quella transvaginale sono esami utili per scovare tumori all’ovaio in fase iniziale e formazioni cistiche.

Commenti: 0
Nessun commento
Lascia un commento